Home > Le ultime dal Pakistan sui cristiani > Tre donne cristiane costrette a camminare nude per strada: Colpevole un latifondista sostenuto dal Governo della Lega Musulmana (N)

Tre donne cristiane costrette a camminare nude per strada: Colpevole un latifondista sostenuto dal Governo della Lega Musulmana (N)

e2624d365f[1]
(LAHORE) Secondo Asian Human Rights Commission (AHRC) tre donne cristiane sono state attaccate e costrette da una folla dei musulmani, sostenuta dalla Lega Musulmana (N), a camminare nude.
Le tre donne cristiana-Arshad Bibi, Sajida Bibi e Sauriya Bibi – la nuova di Sadiq Masih, residente del Sereser Chak N. 21 a Kasur, sono state picchiate brutalmente e successivamente costrette a camminare nude dagli uomini armati che sono impiegati di Muhammad Munir, figlio di Abdul Rasheed, un latofondista che ha il sostegno della Lega Musulmana (N). L’accaduto è del 3 Giugno quando i maschi della famiglia stavano al lavoro. Gli attaccanti erano armati con pistole e bastoni, sono entrati nella casa saltando dal muro e dopo hanno aperto il cancello. A quell’ora le donne stavano dormendo a casa con il loro suocero Sadiq Masih, anni 73 e la suocera Rani Bibi, anni 70.
La folla guidata da Muhammad Munir, Abrahim, Muhammad Rafique e i loro figli Ahmed, Asif, Abid, Wassem, Waqas e Shabir insieme a tre persone non identificate sono entrati nella casa. Quando sono entrati nella casa hanno cominciato a cercare i figli di Sadiq Masih e quando non l’hanno trovati hanno cominciato a picchiare le tre donne.
I membri del Partito a questo punto hanno trascinato le donne cristiano per strada dove le luci erano accese e le hanno strappati i vestiti.
Poi hanno cominciato a urlare per attirare l’attenzione delle persone nelle vicinanze per farli vedere la vendetta e il potere del latifondista. Nessuno ha provato a fermarli in quanto gli uomini erano armati. A causa delle urla delle vittime alcuni anziani del villaggio sono venuti fuori e hanno messo il proprio turbante, segno d’onore, ai piedi degli attaccanti per dimostrarli il proprio rispetto e assicurarli onore. Dopo questo gli attaccanti hanno rilasciato le donne e hanno minacciato che se qualcuno si permetteva a denunciarli allora dovranno subire gravi conseguenze.
Quando tutto questo stava accadendo, qualcuno ha chiamato la polizia che è arrivata dopo un’po. Invece di prendere azione contro gli attaccanti la polizia ha cercato di calmare la folla dei cristiani che protestava contro l’accaduto.
La ragione dell’accaduto sembra che un paio di volte le capri dei cristiani sono entrate nei campi del latifondista Munir che dice che le capre hanno rovinato il suo campo. Visto che le capre erano dei cristiani allora Munir le ha confiscate.
La mattina dell’accaduto, Shaukat, il figlio di Sadiq Masih, è andato da Munir insieme alle cognate e li ha pregato di rilasciare le capre. Munir ha rifiutato di rilasciarle e ha cominciato a pichiarlo. Munir lo ha schiaffeggiato molte volte bestemiato. Quando Shoukat, in difesa, ha dato uno schiaffo a Munir allora lui si è infuriato e lo ha minacciato. Tutto questo ha provocato l’attacco di vendetta durante cui hanno ferito Sadiq Masih e la sua gamba è stata colpita in più punti.

Il 4 Giugno Avvocato Sardar Mushtaq Gill, dopo aver consultato il capo della Polizia a Pattoki, ha registrato la denuncia contro il latofondista e i suoi uomini secondo gli articoli 231/13 delle sezioni 452, 354, 337/FI, 149, 148 del Codice Penale Pakistano. Le vittime hanno ricevuto il certificato che accerta le ferite ricevute durante l’attacco dal Dipartimento della Salute del Governo del Punjab ma la polizia non ha fatto niente contro i colpevoli ne per l’attacco ne per aver umiliato le donne facendo le camminare nude per strada.
Invece la Polizia ha registrato subito una denuncia da parte del Latifondista secondo gli articoli 234/13 della Sezione 440, 379, 148 e 149 del Codice Penale Pakistano. Questo non era una sorpresa per i cristiani del quartiere perchè è una pratica comune che i musulmani in Pakistani aumentano la pressione sui cristiani per farli ritirare la propria denuncia. Un membro del Parlamento Nazionale, Rana Ishaq della Lega Musulmana (N) sta costringendo la Polizia a non agire contro gli attaccanti in quanto sostengo il Partito al Governo.

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: