Home > Le ultime dal Pakistan sui cristiani > Asia Bibi: Dopo Shahbaz Bhatti e Salman Taseer nessuno ha il coraggio di difenderla

Asia Bibi: Dopo Shahbaz Bhatti e Salman Taseer nessuno ha il coraggio di difenderla

Dopo l’omicidio di Shahbaz Bhatti e Salman Taseer nessuno ha il coraggio di parlare della libertà di Asia Bibi e di difendere quasi 700 casi annui di conversione forzata delle donne pakistane cristiane.
Oggi Asia Bibi, una innocente madre famiglia, donna molto semplice, sta affrontando isolamento che comincia erroderla intriormente.
Associazione dei Pakistani Cristiani in Italia ha chiesto al Ministro dello Stato Akram Gill di intervenire per una visita medica adeguata e possibilmente con uno psicologo. Il ministro ci ha assicurato la sua collaborazione per l’assistenza medica appropriata ad Asia Bibi.
Oggi le domande nascono spontanee: Dopo questo periodo di silenzio stampa oggi a che punto sta la situazione legale di Asia Bibi? Riuscirà a stare insieme con la sua famiglia libera da ogni accusa falsa? Ci sarà qualcuno che si occupi seriamente della sua liberazione? Coloro che interverranno per la sua liberazione saranno al sicuro?
Ecco il racconto all’Agenzia Fides dei amici che l’hanno visitata nel Carcere:
Asia Bibi, in cella di isolamento, rischia la malattia mentale ma “perdona i suoi aguzzini”Asia Bibi, la donna cristiana condannata a morte ingiustamente per blasfemia, in carcere dal 9 giugno 2010, rischia la malattia mentale: le sue condizioni psicofisiche sono in continuo degrado e “urge per lei un check-up medico completo”. Ma il suo morale, nei rari momenti di lucidità, resta alto e Asia ha detto di aver “perdonato i suoi aguzzini”: è quanto afferma all’Agenzia Fides Haroon Barkat Masih, Direttore internazionale della “Masihi Foundation” (MF), Ong che tutela i diritti dei cristiani in Pakistan e che si occupa dell’assistenza legale e materiale della donna. Una delegazione internazionale della “Masihi Foundation” ha incontrato Asia Bibi ieri, 19 dicembre 2011, nel carcere distrettuale di Sheikpura, dove si trova da oltre un anno, per verificare le sue condizioni, portarle una parola di speranza e gli auguri di Natale, mentre il processo di appello, dopo la condanna in primo grado, è ancora pendente presso l’Alta Corte di Lahore.
In un comunicato diffuso dalla “Masihi Foundation” dopo la visita al carcere, e inviato all’Agenzia Fides, si afferma che “a causa del suo confino solitario, Asia Bibi, 46 anni, appare notevolmente invecchiata, ha un colorito pallido, sembra molto fragile, perfino incapace di stare da sola”. Asia era scortata da due donne del personale di guardia.
“Al momento dell’incontro, il suo sguardo vagava nel vuoto, non riusciva a capire cosa stesse accadendo, era completamente confusa e stupita. Per tutto il tempo della conversazione – oltre 2 ore e 20 minuti – i suoi pensieri erano alla deriva” nota con preoccupazione la Masihi Foundation. “Ha reagito agli stimoli con emozioni contrastanti, ridendo, piangendo e restando in silenzio per lunghi periodi di tempo”.
“Per i primi 10 minuti – prosegue il testo inviato a Fides – Asia non è stata in grado di reagire e non riusciva a capire se eravamo amici o nemici. Ha detto che nessuno si stava seriamente occupando di lei, aveva paura e sembrava molto fredda e nervosa. Non riusciva a tenere gli occhi fissi in un punto o verso un interlocutore. Le abbiamo offerto acqua e sembrava perfino spaventata dall’acqua”. Le sue condizioni di igiene personale erano terribili: Asia non fa un bagno da oltre due mesi.
La delegazione della Masihi Foundation le ha assicurato di provvedere per lei un’assistenza legale di alto livello. Asia, con tono di voce basso e dimesso, ha ripetuto ai membri della MF che “desidera solo tornare dalla sua famiglia” e che continua a pregare e digiunare. La donna chiede ai cristiani nel mondo “di continuare a pregare per lei”. Alla domanda su come passa il tempo, Asia ha risposto: “Ho perso il senso del tempo. Non ho l’idea di un’ora, un mese, una stagione. L’unico giorno che ricordo è il 9 giugno, il giorno più buio della mia vita, quando sono stata arrestata. E’ l’inizio di un incubo per me e la mia famiglia”.
Interpellata sul perdono, Asia ha spiegato: “In primo luogo vivevo frustrazione, rabbia, aggressività Poi, grazie alla fede cristiana, dopo aver digiunato e pregato, le cose sono cambiate in me: ho già perdonato chi mi ha accusato di blasfemia. Questo è un capitolo della mia vita che voglio dimenticare”, rimarcando anche che “tanti altri fratelli cristiani sono accusati ingiustamente come me”. Mentre la delegazione era sul punto di partire, spaventata, Asia ha gridato fra le lacrime “Quando sarò rilasciata?”.
“E’ un interrogativo che giriamo al governo pakistano, alla comunità internazionale, alla Chiesa universale”, commenta in un colloquio con Fides Haroon Barkat Masih. “Se Asia resterà in isolamento rischia seriamente una malattia mentale che potrebbe compromettere definitivamente il suo equilibrio psicologico. Chiediamo che le autorità permettano subito a un team di medici di visitarla a darle delle cure” prosegue il Direttore della MF. “Di recente Papa Benedetto XVI ha visitato i detenuti di un carcere italiano: crediamo che, nel suo gesto, abbia incluso simbolicamente tutti i detenuti del mondo e anche Asia Bibi, che passerà un Natale triste, nella solitudine di una cella. Chiediamo a tutti i cristiani del mondo di ricordare al Signore Asia Bibi, la sera di Natale, e di elevare una preghiera per lei”. (PA) (Agenzia Fides 20/12/2011)

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: