Home > Le ultime dal Pakistan sui cristiani > Farah nell’Alta Corte di Lahore

Farah nell’Alta Corte di Lahore

(foto fonte: archivio stampa dell’associazione dei Pakistani Cristiani in Italia)
Seguono le novità sul caso di Farah Hatim, assistita tramite l’APMA:
2011-07-12
ASIA/PAKISTAN – Approda all’Alta Corte di Multan il caso di Farah Hatim, la cattolica islamizzata a forza
invia articolo stampa preferiti Multan (Agenzia Fides)

Sarà l’Alta Corte di Multan a giudicare e ad appurare la verità sul caso di Farah Hatim, la ragazza cattolica rapita, islamizzata e costretta a sposare un uomo musulmano nella città di Rahim Yar Khan, nel sud Punjab (vedi Fides 25/6/2011 e giorni precedenti). E’ quanto l’Agenzia Fides apprende da Paul Bhatti, Consigliere Speciale del Primo Ministro per gli Affari della Minoranze religiose in Pakistan e leader dell’APMA (All Pakistan Minorities Alliance). L’APMA aveva tentato nei giorni scorsi una mediazione, chiedendo alla famiglia musulmana presso cui oggi Farah si trova, di incontrare la ragazza, ribadendo la richiesta ufficialmente a un giudice del tribunale di primo grado a Rahim Yar Khan. Il tentativo è fallito (vedi Fides 7/7/2011) perché la famiglia non si è presentata e il giudice stesso ha detto di “considerare il caso chiuso”.
Per questo l’APMA ha deciso, in accordo con i familiari della ragazza, di ricorrere all’Alta Corte di Multan. Una denuncia è stata già presentata e si attende la data dell’udienza, in cui il giudice convocherà Farah, la famiglia di origine e la famiglia musulmana per ascoltare le differenti versioni sulla vicenda e appurare la volontà della giovane. “Non avevamo scelta. Dato l’atteggiamento di ostinata chiusura della famiglia musulmana, vogliamo che la giustizia vada avanti e che Farah possa esprimersi: per questo abbiamo dato mandato agli avvocati di presentare un ricorso all’Alta Corte”, dice Bhatti a Fides.
Il giudice può ascoltare Farah pubblicamente ma anche in un colloquio privato. Se avesse l’impressione che la ragazza, terrorizzata o intimidita, non dica la verità (compiacendo i suoi aguzzini), potrebbe decidere di trasferirla per un periodo di tempo nella “Darul Aman” (“Casa della pace”), istituto governativo con sede nelle principali città del paese, che accoglie e tiene sotto protezione della polizia le donne maltrattate o rapite. L’istituto è un’opera voluta fortemente da Asma Jahangir, presidente del Consiglio degli avvocati della Corte Suprema e attiva nel difendere i diritti delle donne pakistane. Gli avvocati dell’APMA, che stanno curando il ricorso, hanno intenzione di chiedere che Farah sia trasferita lì per evitare che possa improvvisamente “sparire”.
P. Yousaf Emmanuel, Direttore della “Commissione Giustizia e Pace” della Conferenza Episcopale del Pakistan, ha salutato con favore questo passo, ribadendo che “la Chiesa pakistana, che in passato ha salvato e si occupa di proteggere tante giovani cristiane, è vicina a Farah e alla sua famiglia, e intende dare tutto l’appoggio possibile per una felice conclusione di questa triste vicenda”. (PA) (Agenzia Fides 12/7/2011)

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: