La preghiera dei musulmani nelle chiese cattoliche in Italia è positivo ma “insignificante” per i cristiani perseguitati nelle proprie terre

Associazione dei Pakistani Cristiani in Italia vede positivamente il gesto dei musulmani in Italia che hanno pregato nelle chiese cattoliche sul territorio nazionale per un gesto di solidarietà, pace e vicinanza dopo il martirio del parroco a Rouen.

Tale gesto della communità islamica in Italia è sicuramente positivo ma è altretanto insignificante in quanto gli stessi musulmani che parlano del dialogo e integrazione a casa propria negano ogni diritto ai propri co-nazionali di fede cristiana.

Il significato politico del gesto deve essere preso con dovuta prudenza specialmente quando nelle chiese cattoliche viene recitato il Corano perchè per loro è la conquista dell’Islam sui cristiani e l’occidente. Sarebbe più opportuno se si potesse andare nelle moschee e recitare i testi del vangelo.

L’assemblea dei fedeli cristiani è già disponibile in Italia, in buona fede, ad accettare il gesto di solidarietà dei capi religiosi islamici ma non è altretanto il caso con i fedeli islamici nelle moschee.

Minorities funds given to Madrassah Darul Uloom Haqqania gets Rs300m in KP budget

ISLAMABAD: The Khyber Pakhtunkhwa government has made a drastic cut in the funds for minorities, allocating a whopping Rs300 million for the Darul Uloom Haqqania.

In the last year’s budgetary allocation made for the Department of Auqaf and Minority Affairs, 52.70% was earmarked for the welfare of minorities in the Annual Development Programme in contrast with 23.49% this year, an examination of the budget documents and discussion with relevant officials reveal.

While a disproportionate increase has been registered in funds for Auqaf and a major chunk went to the Darul Uloom Haqqania, the funds reserved for textbooks and fees for deserving students in Christian institutions like convent schools have been reduced. The cuts in allocations for medical grants and dowry fund for minority members are separate from this.

This reduction has occurred in the absence of any minister holding the portfolio of minority affairs. Suran Singh, murdered in April 2016, was the last in-charge of this ministry.

Provincial Information Minister Mushtaq Ghani told The News that funds were allotted on the request of Darul Uloom Haqqania that wrote a letter to Chief Minister Pervez Khattak. Minister for Auqaf Habibur Rehman confirmed receipt of the letter to the CM and defended this unprecedented allocation from the taxpayers’ money to a private organisation, saying the Darul Uloom Haqqania had produced many scholars of note, thus it deserved such assistance.

Secretary General Wifaqul Madaris Al-Arabia, Qari Hanif Jalandhari, wondered as to how this happened as no fund had ever been released to seminaries in the recent past. Mushtaq Ghani, however, insisted this had been a practice during the MMA government, only resumed by the PTI administration.

Rs222 million were allocated in the Annual Development Programme in the last financial year (2015-16) for the KP Department of Auqaf and Minority Affairs. Of that, Rs117 million (52.70%) were for the welfare of minority community.

The overall allocation for the department this year (2016-17) is Rs366 million and minorities got only Rs86 million (23.49%) of it. As many as Rs150 million will be released to the Darul Uloom Haqqania in 2016-17 and as much amount in the next financial year. The purpose has been described as construction and rehabilitation of Darul Uloom Haqqania.

Questions are being raised as to how a private organisation like the Darul Uloom Haqqania could be allocated an amount from the taxpayers’ money. No seminary has been given any grant by the federal government since 2002, according to former secretary of religious affairs, Vakil Khan, who was also involved in seminary reforms. Before that, a fund was set up for seminaries during the Zia era and that was from Zakat, not tax revenue, he said.

Qari Hanif Jalandhary explained that many seminaries had even refused to accept the funds being offered during the Zia era. The News asked KP’s Auqaf Mminister, Habibur Rehman, whether there was a practice of funding seminaries during the MMA’s provincial government, he said he was not aware of it. The minister who hails from Buner has one model seminary set up in Buner.

Justifying the allocation for Haqqania, he said it was the alma mater of many distinguished scholars. Key Taliban leaders Mullah Omer, Mullah Mansour and Jalaluddin Haqqani graduated from Darul Uloom Haqqania and so did Asim Umar, the head of al-Qaeda’s South Asia chapter.

As for Benazir Bhutto’s killing, the FIA told a trial court on February 26, 2015, that three students of this seminary were involved in her killing. Darul Uloom’s director education Wisal Ahmed, though confirmed before the court they had been students, denied the seminary’s role in this murder.

It should be noted that earlier Maulana Samiul Haq had vehemently denied any role of Darul Uloom Haqqania in widespread killings by the Taliban. He said that if any person belonging to any institution, government or private, indulges in any crime, the institution he belonged to cannot be blamed for the crime.

Vedi il link: https://www.geo.tv/latest/108180-Darul-Uloom-Haqqania-gets-Rs300m-in-KP-budget

Kamran Michel: Nuovo Ministro per i diritti umani in Pakistan

Kamran Michel è il nuovo Ministro Federale del Ministero Federale per i Diritti Umani. Il Governo della Lega Musulmana (N) con il consenso del Premier Nawaz Sharif di recente ha nominato l’unico cristiano del Gabinetto Federale come capo del Ministero Federale per i Diritti Umani che fin’ora era solo un dipartimento.

Il Ministro cristiano sarebbe maggiormente sensibile ai problemi delle minoranze religiose e la violazione dei loro diritti. Tale decisione del Governo Federale da una parte è molto positivo in quanto ampia questione dei diritti umani in parte riguarderebbe anche le minoranze religiose ma non avendo un portafoglio svolgerà piuttosto il ruolo da osservatore senza alcun risvolto concreto per la protezione e lo sviluppo delle minoranze religiose a cui il Governo di Islamabad sembra poco sensibile.

Kamran Michel, eletto Senatore grazie alla quota speciale per le minoranze religiose voluta dal precedente Governo della Pakistan People’s Party sulla richiesta del Ministro Federale per le Minoranze Religiose Shahbaz Bhatti, divenne Ministro Federale per la Navigazione nel Governo di Nawaz Sharif. La presenza di un cristiano nel Gabinetto Federale con la delega per Navigazione sollevò molta invidia da parte di alcuni componenti poco tolleranti verso le minoranze religiose ma il carattere amichevole di Kamran subito calmò tali tendenze. Forse la stessa capacità politica li sarà d’aiuto anche per affrontare la difficile questione dei diritti umani e le minoranze religiose.

Intanto il Governo insieme al nuovo Ministero ha fornito Kamran anche con una macchina antiproiettile, che fin’ora non era stata messa a disposizione,  e ciò spiega come sarà difficile e insicuro tale compito!

29 APRIL: TREVI FOUNTAIN IN ROME WILL TURN RED AS AID TO THE CHURCH IN NEED (ACN) COMMEMORATES THE CHRISTIAN MARTYRS

Königstein/Rome, 26.04.2016. On 29 April at 8 pm the famous Trevi Fountain in Rome will turn red – for the first time in its history. (Fontana di Trevisitingerà di rosso). The international Catholic pastoral charity Aid to the Church in Need (ACN) has organised this event as a way of visibly commemorating the thousands of Christian martyrs of modern times who today, in even greater numbers than in the early centuries of the Church, have shed their blood for Christ, murdered in odium fidei.

By means of this unique initiative, the Italian national office of ACN hopes to draw attention to the dramatic issue of anti-Christian persecution. A similar initiative was staged in October 2015, when the Brazilian national office of ACN illuminated in red the statue of Christ the Redeemer in Rio de Janeiro. “The systematic violation of the right to religious freedom, above all that of Christians, ought to be a central issue in the public debate”, say the president of ACN Italy, Alfredo Mantovano, and its national director, Alessandro Monteduro, “in order to avoid the danger of indifference and the consequent prolonging of this intolerable suffering.”

Ever since its origins in 1947, the charity ACN – now a pontifical foundation of the Catholic Church – has stood up for those persecuted for the sake of their religious faith. This commitment has found powerful expression since 1999 in the publication of the report by ACN on Religious Freedom Worldwide, the next edition of which will be published on 15 November this year. However, as Mantovano and Monteduro observe, “The content of the report will be of little value if it does not become our common patrimony, if it does not shake our consciences and produce a widespread public reaction in support of the countless victims of persecution who cannot speak for themselves”.

A number of different organisations and agencies in Italy and elsewhere have expressed their support for the initiative. For example, the community of Sant’Egidio, the movement Comunione e Liberazione, the Focolare movement and the organisation RinnovamentonelloSpirito Santo, along with media agencies such as Avvenire, Catholic News Agency/Aciprensa and Romereports. The event will also be broadcast live by the television channel of the Italian bishops’ conference, TV2000.

The event will begin with an introduction by the President of ACN Italy, Alfredo Mantovano, and an address by the international president of ACN, Cardinal Mauro Piacenza.

This will be followed by four invited guests giving personal accounts of Christians killed on account of their faith. A sister from the Missionaries of Charity, the sisters of Mother Teresa, will speak of the four nuns of this congregation murdered in Yemen on 4 March this year. The Pakistani Minister for the Minorities, Shahbaz Bhatti, will be remembered by his friend Professor ShahidMobeen, the founder of the Association of Pakistani Christians in Italy. Then Maddalena Santoro will speak about her brother, Father Andrea Santoro, who was murdered in Turkey in 2006. And finally, a student from Kenya, Luka Loteng, will pay homage to the Christian students murdered in Garrisa in April 2015.

After these four interventions, the Trevi Fountain will turn red and will form the backdrop to the testimony given by Chaldean Bishop Antoine Audo of Aleppo, Syria.

The evening will conclude with the recital of the prayer of Pius XII for the persecuted Church. Following this, and throughout the night, images of anti-Christian persecution will be projected onto a Trevi Fountain stained with the blood of the Christian martyrs.

San Valentino in Pakistan e fondamentalismo islamico

Lahore (AsiaNews) – Si tratta “di difendere le nostre case. I secolaristi e i liberali condannano i leader religiosi per le loro credenze antiquate, ma poi non tollerano che le loro figlie e sorelle escano con uomini. Dobbiamo salvare la nostra generazione e propagare la cultura dell’onore e del rispetto”. È la denuncia di Samia Raheel Qazi, presidente dell’ala femminile del Jamat-e-Islami (Jl, partito conservatore islamico), durante una protesta organizzata davanti al Press Club di Lahore. Le donne, al grido di “I nostri valori, i nostri beni”, hanno distribuito volantini ed esposto striscioni contro la cultura “occidentale” e consumistica che permea il giorno di San Valentino. I cattolici, pur non partecipando alle manifestazioni, sostengono con i musulmani i valori familiari.

Le manifestanti hanno anche regalato ai passanti libri sullo stile di vita islamico, il matrimonio, la protezione della famiglia, il sistema di valori e la dignità dei genitori. Lo snodo stradale dove è avvenuta la manifestazione era già colmo dei venditori di fiori, palloncini, orsacchiotti e altri accessori per la festa del 14 febbraio. Il movimento manderà anche lettere di protesta a quelle compagnie che pubblicheranno pubblicità immorali su quotidiani e riviste.

Il Jl vede nella festa di San Valentino l’inserirsi di una cultura diversa e immorale, che rischia di minare alla base i valori fondanti della società islamica. L’ala femminile del partito ha annunciato altre proteste davanti a librerie, saloni di bellezza e negozi. “L’uso di internet e dei media – afferma Samia Raheel Qazi – sta ferendo la nostra cultura. I nostri giovani vengono avvelenati dall’immoralità e il loro cambiamento di atteggiamento sta distruggendo il sistema familiare. Credo che le Chiese cristiane invece giochino un ruolo positivo nella creazione di una società sana, appellandosi a tutti i non musulmani per promuovere un giusto codice di condotta”.

Da parte sua, la parrocchia del Sacro Cuore di Lahore ha organizzato per San Valentino la visita alla “Casa dell’amore”, struttura gestita dalle Missionarie della carità che ospita disabili sia fisici che mentali. Fratello Yousaf Yaqoob afferma: “Noi vogliamo promuovere l’amore; forse il Jl dovrebbe leggere di più sulla storia di San Valentino, che si può trovare su internet. Però noi concordiamo con loro sul fatto che il giorno di San Valentino debba essere festeggiato con la famiglia”.

San Valentino è stato un vescovo romano del terzo secolo, che celebrava matrimoni per i soldati durante l’impero di Claudio II. Per la sua fede e le sue azioni è stato condannato a morte e decapitato il 14 febbraio.

Vedi il link:

http://www.asianews.it/notizie-it/Lahore,-donne-islamiche-e-cattolici-contro-la-festa-di-San-Valentino:-Distrugge-la-famiglia-36657.html

LEGGE DELLA BLASFEMIA E LIBERTÀ RELIGIOSA: CONFERENZA STAMPA giovedì 28 maggio ore 16.00

LEGGE DELLA BLASFEMIA E LIBERTÀ RELIGIOSA
CONFERENZA STAMPA

giovedì 28 maggio ore 16.00
Sala Stampa di Palazzo Montecitorio
Ingresso Via della Missione, 4

Per la prima volta uno studio interamente dedicato alle leggi della blasfemia.

Giovedì 28 maggio alle ore 16:00 presso la Sala Stampa di Montecitorio – in via della Missione n. 4 – sarà presentato il volume “Legge della blasfemia e libertà religiosa. Il caso della Repubblica Islamica del Pakistan” (APES, Roma, 2015), a cura del Prof. Shahid Mobeen, docente di storia e del pensiero islamico presso la Pontificia Università Lateranense e di Dialogo Islamo-cristiano presso la Pontificia Università Urbaniana.
La presentazione è organizzata dall’on. Paola Binetti e dall’Associazione Pakistani Cristiani in Italia.

Interverranno: on. Paola Binetti, UDC; S. E. Monsignor Enrico dal Covolo, Rettore Magnifico della Pontificia Università Lateranense, Prof. Antonio Iodice, Presidente Istituto di Studi Politici “San Pio V”; padre Gilbert Gill, assistente ecclesiastico Associazione Pakistani Cristiani in Italia; Marta Petrosillo, ufficio stampa di Aiuto alla Chiesa che Soffre; sen. Maria Pia Garavaglia, PD; on. Fabrizia Giuliani, PD.

Lo studio all’origine del volume ricostruisce il concetto di blasfemia sin dalle sue origini, analizzandolo dapprima nelle religioni abramitiche e poi nel particolare contesto pachistano.
La cosiddetta legge anti-blasfemia corrisponde in realtà ad alcuni articoli del codice penale pachistano, alcuni dei quali ereditati dalla legislazione dell’impero britannico. Tuttavia negli anni 80 e 90 l’introduzione di alcune modifiche hanno permesso un’enorme abuso della legge «facendo vittime di tutte le confessioni religiose, incluso l’Islam». Tra queste l’aggiunta dei commi B e C dell’articolo 295 – che puniscono chiunque profani il Corano o insulti il profeta Maometto rispettivamente con l’ergastolo e la pena capitale – che fornendo una descrizione piuttosto ampia del reato di blasfemia, si prestano ad un uso improprio della norma.
Sono infatti innumerevoli i casi in cui la legge anti-blasfemia viene utilizzata per risolvere questioni personali, «con la differenza che quando l’accusa viene mossa contro un cittadino di fede islamica, è il singolo a subire le conseguenze dell’imputazione, mentre quando viene incriminato un cittadino di altra fede religiosa, il rischio è che a subirne le conseguenze sia l’intera comunità di appartenenza».
L’indefinitezza delle norme contribuisce inoltre a «fomentare una recrudescenza delle violenze soprattutto nei confronti dei soggetti più deboli, che in tal caso vanno identificati negli appartenenti alle minoranze religiose», come testimonia l’altissimo numero di omicidi extra giudiziali dei presunti blasfemi.
Lo studio mostra anche il tentativo del Pakistan di promuovere la legge anti-blasfemia a livello internazionale. La Repubblica islamica è stata infatti portavoce dall’Organizzazione degli Stati Islamici (Oic) per la risoluzione sulla Diffamazione delle Religioni, un testo «che ha innescato una campagna islamica volta a far applicare la legge della blasfemia in tutte le nazioni accreditate presso le Nazioni Unite». Soltanto dopo la morte del governatore del Punjab Salman Taseer e del ministro per le minoranze Shahbaz Bhatti, il Pakistan ha ritirato la risoluzione, approvata nel 2010 dal Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani, grazie al voto favorevole di Cina, Russia e Cuba.
Infine il volume suggerisce accorgimenti finalizzati a ridurre gli abusi della legge anti-blasfemia.
«Cancellare radicalmente le leggi in discussione forse non sarà possibile, ma un lavoro tramite educazione, dibattiti pubblici sulla promozione del dialogo inter-religioso e inter-culturale, mettendo in risalto il contributo nella società da parte dei cittadini pakistani delle fedi come cristianesimo, induismo, sikhismo e gli ahmadi, potrà aumentare la possibilità di ascolto dell’altro senza pregiudizi».

Per partecipare è necessario accreditarsi, inviando una email a questo indirizzo (petrosillomarta@gmail.com) indicando nome, cognome e testata. Gli operatori foto-televisivi dovranno inoltre comunicare: data di nascita; n° tessera ordine dei giornalisti; tipo di apparecchio.

Per gli uomini è obbligatorio presentarsi in giacca.

Libertà per Asia Bibi: Conferenza Stampa con il Marito e Figlia minorenne di Asia Bibi

CONFERENZA STAMPA
Libertà per Asia Bibi

martedì 14 aprile ore 13.00
Sala Stampa di Palazzo Montecitorio
Ingresso Via della Missione, 4

Condannata a morte per un bicchiere d’acqua. Asia Noreen Bibi, pachistana cristiana madre di cinque figli, è stata arrestata nel 2009 con l’accusa di aver insultato il profeta Maometto e condannata nel 2010 alla pena capitale. Divenuta il simbolo dell’ingiustizia e dell’abuso della legge anti-blasfemia, la donna non ha mai smesso di proclamare la propria innocenza.
Il marito di Asia Bibi, Ashiq Masih, la figlia, Eisham Ashiq, e l’avvocato Joseph Nadeem sono in Italia per chiedere l’intervento della comunità internazionale affinché la donna cristiana venga finalmente liberata.

Per dare voce ai familiari di Asia Bibi, il sen. Mario Mauro e il sottosegretario di Stato alla Difesa, on. Domenico Rossi, assieme all’Associazione Pakistani Cristiani in Italia e all’associazione CitizenGO, hanno indetto una conferenza stampa che si terrà martedì 14 aprile alle ore 13.00 presso la Sala Stampa di Palazzo Montecitorio.

Interverranno tra gli altri: On. Domenico Rossi, Sottosegretario di Stato alla Difesa, Ashiq Masih, marito di Asia Bibi, Eisham Ashiq, figlia di Asia Bibi, Ignacio Arsuaga Rato, presidente di CitizenGO, Joseph Nadeem, avvocato di Asia Bibi, Sara Fumagalli, presidente onoraria Associazione Pakistani Cristiani in Italia; on. Mario Marazziti, Per L’Italia-Centro Democratico, on. Paola Binetti, Unione di Centro, on. Marco Rondini, Lega Nord; modera Marta Petrosillo, giornalista esperta di libertà religiosa.

In cella da più di 2000 giorni, dal carcere di Multan Asia Bibi continua a proclamare la propria innocenza.
La storia della donna cristiana è ormai tristemente nota. Nel giugno del 2009 Asia, che lavorava come bracciante, è stata ingiustamente accusata di blasfemia da alcune colleghe musulmane a seguito di un alterco. Nonostante la donna abbia sempre respinto le accuse, nel 2010 è stata condannata a morte per impiccagione. La sentenza è stata confermata in secondo grado dall’Alta Corte di Lahore lo scorso ottobre.
La vicenda di Asia mette in luce la facilità con cui si possa essere incriminati per blasfemia in Pakistan. Un reato che, come stabilito dai commi B e C dell’articolo 295 del Codice penale pachistano – più noti come legge anti-blasfemia – prevede la detenzione a vita per chi profana il Corano e la condanna a morte per chi insulta il profeta Maometto. Come nel caso di Asia, per essere arrestati per blasfemia è sufficiente un’accusa, il più delle volte infondata. Si ritiene infatti che circa il 95% delle accuse siano false. La norma non prevede l’onere della prova da parte dell’accusatore e sta quindi al presunto blasfemo provare la propria innocenza.
È inoltre altissimo il numero di omicidi extragiudiziali legati ad accuse di blasfemia. Molti presunti blasfemi sono stati uccisi prima ancora di essere stati arrestati, giustiziati in carcere o perfino assassinati dopo essere stati scagionati. Ricordiamo a tal proposito due uomini che sono stati uccisi a causa del loro grande impegno contro la legge sulla blasfemia e in difesa di Asia Bibi: il governatore del Punjab Salmaan Taseer e al Ministro per le Minoranze Shahbaz Bhatti.

È infine da notare come la cosiddetta legge nera sia usata in particolar modo per colpire le minoranze religiose. Recenti studi mostrano che sebbene gli appartenenti alle minoranze religiose costituiscano meno del 4% della popolazione pachistana, a loro è rivolto circa il 50% delle accuse di blasfemia.

Per partecipare alla conferenza stampa è necessario accreditarsi entro le ore 15 di lunedì 13 aprile, inviando una email a questo indirizzo (petrosillomarta@gmail.com) indicando nome, cognome e testata. Gli operatori foto-televisivi dovranno inoltre comunicare: data di nascita; n° tessera ordine dei giornalisti; tipo di apparecchio.

Per gli uomini è obbligatorio presentarsi in giacca.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: